7 IDEE PER LE TESINE PIU’ ORIGINALI (part 2)

Eccoci di nuovo qui a parlare di tesine: dopo le prime quattro idee che vi ho suggerito nello scorso post, oggi concluderemo in bellezza la carrellata di spunti per creare dei percorsi coi fiocchi.
Dunque bando alle ciance e proseguiamo nel nostro tesina-tour:

5) L’UOMO, CREATORE DI MILLE MONDI
20131111175318!Alice_nel_paese_delle_meraviglie_film_1951

All’uomo la Terra non è mai bastata: ha sempre cercato nuovi pianeti e nuove realtà. Il tema è così vasto che ci si può davvero sbizzarrire, tanto che ho selezionato solo alcuni possibili collegamenti tra i mille che mi sono venuti in mente.

  • Letteratura italiana: “Le città invisibili” di Italo Calvino.
  • Letteratura inglese: “Alice nel Paese delle Meraviglie” di Lewis Carroll/ “Peter Pan” di Matthew Barrie.
  • Letteratura francese: “Ventimila leghe sotto i mari” di Jules Verne
  • Filosofia: la Città del Sole di Tommaso Campanella
  • Geografia astronomica/letteratura americana: “Obsoleto” di Chuck Palahniuk. In questo racconto, l’ultimo del best seller “Cavie”, del quale vi consiglio caldamente la lettura, Venere è una sorta di mondo parallelo: i telescopi scoprono che le star del cinema defunte, da James Dean a Marilyn Monroe, sono ancora vivi sul “vicino” pianeta di fuoco e così l’umanità decide di operare uno sterminio di massa per raggiungerlo. Bellissimo, originale e paradossale: potete star certi che nessuno vi copierà l’idea!
  • Storia/letteratura/filosofia: leggende e racconti sulle popolazioni indigene. Gli indigeni sono da sempre stati considerati selvaggi e misteriosi: a lungo si sono covati forti sospetti – tutt’oggi non ancora estinti – su una loro presunta antropofagia.
    Tra le possibili letture spiccano “Robinson Crusoe” e “I viaggi di Gulliver“. Dopo la scoperta delle Americhe la dottrina filosofica si divise tra chi dipingeva gli indigeni come dei mostri e chi ne sosteneva invece la cristianizzazione. Rilevanti in proposito furono le teorie di Francisco de Vitoria e Francisco Suàrez, della Scuola di Salamanca.

6) ARMI: come si è evoluto il lato più oscuro dell’uomo. 
La violenza verso i propri simili ha dimostrato di annientare l’uomo in misura sempre maggiore, con lo sviluppo di armi sempre più devastanti e potenti.
Il tema potrebbe essere analizzato su un duplice versante: da una parte abbiamo l’arma più potente del secolo scorso, la bomba ad idrogeno, con tutto il dibattito etico ed ideologico che ne è conseguito; dall’altra uno scontro attuale sempre più acceso sull’uso e la concessione delle armi da fuoco.

  • Fisica/chimica: la bomba atomica e il gas eprite come armi di distruzione di massa.
  • Letteratura: i War Poets, poeti che furono soldati e trasposero nelle proprie opere la drammaticità e la devastazione della guerra. Tra questi uno dei più noti è Wilfred Owen, del quale mi è piaciuta in particolar modo “Il sogno del soldato“.

Sognai che il buon Gesù aveva sabotato
gli ingranaggi dei grossi pezzi d’artiglieria,
e inceppato in modo irreparabile
tutti gli otturatori.
Con un sorriso, aveva deformato
le Mauser e le Colt,
e arrugginito con le lacrime
tutte le baionette.
E non c’erano più bombe, né nostre né Loro,
neppure un vecchio acciarino o una forca.
Ma Dio, seccato, dette pieni poteri a Michele,
che, al mio risveglio, aveva riparato tutto.

  • Arte: qui si potrebbero citare innumerevoli pellicole, nonché la rappresentativa “Guernica” di Picasso.
    Se io dovessi scegliere un solo film opterei senza dubbio per “Full Metal Jacket“: esempio di alienazione e spersonalizzazione come pochi nel suo genere.
  • Filosofia e attualità: quello dell’etica nell’uso delle armi è un tema scottante e di grande attualità. Oltre al dibattito sviluppatosi intorno all’atomica (tanto che persino Enrico Fermi, nel 1950, firmò contro la “Bomba H”), eventi di cronaca più o meno recenti hanno spinto gli Stati Uniti a sollecitare misure più restrittive nella concessione del porto d’armi. Messi sotto accusa anche parecchi videogames, rei secondo alcuni di acutizzare e rendere quasi accettabile l’idea di violenza. Sul tema potete consultare questo articolo.
Ecco James Holmes, autore della strage di Denver, durante il suo processo. Sono stati formalizzati contro di lui ben 24 capi d'accusa.
James Holmes, autore del massacro di Aurora, durante il suo processo. Durante la prima mondiale del film Batman-Il ritorno del cavaliere oscuro, aprì il fuoco in un cinema causando la morte di 12 persone.

7) SERIAL KILLER

Questa è una tematica che mi ha appassionato moltissimo, e si può sviluppare molto bene nei campi della letteratura, dell’arte, della storia e della psicologia.

Parolisi, Vallanzasca, Amanda Knox, Charles Manson e Richard Ramirez: tutti sospettati di orrendi crimini, hanno stuoli di ammiratori.
Parolisi, Vallanzasca, Amanda Knox, Charles Manson e Richard Ramirez: tutti sospettati di orrendi crimini, hanno stuoli di ammiratori.
  • Nella storia di serial killer ce ne sono stati tantissimi: Barbablù, Jack lo Squartatore, e come non citare i dittatori che si sono macchiati le mani del sangue di milioni di vittime? Tra le figure più crudeli del ventesimo secolo troviamo i coniugi Ceausescu, spesso poco approfonditi nei programmi ma rei di crimini orribili. Le leggi volute da Elena Ceausescu causarono la povertà di migliaia di famiglie; furono vietati il divorzio, l’aborto e l’uso dei contraccettivi e ogni donna sotto i quarant’anni fu costretta ad avere almeno quattro figli. Nonostante negli orfanotrofi i bambini morissero di fame e dilagasse l’AIDS, lei ne negò l’esistenza, causando un’epidemia disastrosa.
  • Psicologia: Killer Groupies e ibristofilia, le donne che amano i serial killer
  • Diritto: il processo Ramirez, una delle pagine più tormentate dell’America del secolo scorso.
  • Letteratura: “Dottor Jekyll e Mr Hyde” di Stevenson, uno dei romanzi più famosi e amati della letteratura di tutti i tempi.
  • Arte: serial killer artisti. Cos’hanno in comune Hitler e Caravaggio? Erano entrambi degli artisti: su latelanera trovate spunti estremamente interessanti tra le analogie tra il processo creativo e quello che spinge all’omicidio seriale.
  • Latino: tra i primi serial killer della storia vengono annoverati alcuni dei più famosi appartenenti alla dinastia Giulio-Claudia: Nerone, Tiberio e Caligola erano dei veri sanguinari.

Dopo questo viaggio tra mondi fantastici e serial killer non mi resta che augurarvi buon lavoro e un grande in bocca al lupo per questi esami di maturità!
E se volete sapere come rispondere ad un bocca al lupo… Date un’occhiatina qui, ne rimarrete sorpresi!

Buona maturità a tutti!

Annunci

Un pensiero su “7 IDEE PER LE TESINE PIU’ ORIGINALI (part 2)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...