NON HAI MAI VISTO NIENTE DI PIU’ TERRIFICANTE

Bambini e horror: uno degli ossimori forse meglio riusciti della cinematografia di tutti i tempi.
La sottoscritta è un’amante fedele del genere horror, specie se sottilmente psicologico, e più maestri, da Kubrick a King, hanno sviluppato il topic bambino-tenero-che-fa-dannatamente-accaponare-la-pelle.

Il terrore è un’arte.
E questi sono i capolavori dei Picasso dell’orrore.

Orphan. 

75447_bpC’è qualcosa di strano in Esther.
Qualcosa che mi viene evocato ormai ogni volta che odo il nome Esther.
Carina, composta, suona il piano e dipinge castelli: il sogno di ogni mamma, specie se con rinnovati sogni di maternità.
Katherine si innamora subito di questa beneducata bambina con i ciuffetti, che si rivela ben presto una piccola carogna.
La sua sottile cattiveria è pari solo all’amore per il suo papà… E no, non è una buona cosa!


The Shining (tratto da un romanzo di Stephen King)

Un triciclo e due gemelle. Niente di pauroso, vero?
Se li mettete in un hotel deserto nel pieno dell’inverno del Colorado, magari potreste trovarli vagamente inquietanti.
E se le gemelle fossero state uccise dieci anni prima?
Mmm… Questo dà da pensare!
I proprietari dell’hotel chiesero perfino a Kubrick di cambiare il numero della stanza in cui erano state assassinate le due gemelline (nel romanzo di King la numero 217), perché temevano che nessuno avrebbe più voluto alloggiarvi. Il regista la sostituì dunque con una stanza non realmente esistente, la 237: peccato che gli amanti del film che chiesero poi di avere la più famosa stanza dell’Overlook non poterono essere accontentati.

daveigh_chase_thumbChi è questa affascinante ragazza?
Forse la conoscerete per la sua interpretazione nella versione americana di The Ring, il famoso film horror che ha per protagonista una videocassetta maledetta, tratto da un romanzo di Koji Suzuki.  
Ecco qui la sua best performance, l’uscita dal televisore del salotto.
samara-o
Pet Semerary (tratto da un romanzo di Stephen King).

100812-pet-semataryQuesto bambino sembra molto determinato, vero?
Magari la cicatrice e il coltello non ne fanno proprio un piccolo boy scout…
Mentre è fuori in giardino con la sua famiglia, Gage Creed viene investito. Ma anziché trapassare e fare compagnia ai cherubini, viene sepolto in un cimitero che ha il potere di far tornare in vita i morti… Peccato solo che tornino leggermente più arrabbiati, come si accorgerà il suo papà Louis.

Ci sarebbero tanti altri piccoli birbanti da citare, da Regan de “L’Esorcista” a Damien di “Omen”.
Non ti vorresti mai ritrovare con loro in una stanza buia, vero?

Ma perché i bambini dei film horror ci fanno così paura, ben più di un mostruoso Freddie Kruger?
La risposta è molto semplice: dai bambini, un po’ come dai pagliacci, non ci aspettiamo cose così cattive.
E’ un po’ ciò che mi ha portato ad apprezzare questo video, della bravissima youtuber Fraffrog:

Piaciuto? Spero possa essere per voi un gradevole antipasto per i sovracitati film.

Buona visione a tutti cari lettori e… Uh, occhio alle spalle!

Nell’immagine in evidenza: “Grano Rosso Sangue” di Kirsch, tratto dal romanzo “A volte ritornano” di Stephen King. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...