LA PIU’ BELLA DICHIARAZIONE D’AMORE DEL CINEMA

«Il presente non esiste: è una sfilata di fantasmi nello spazio incantato della memoria. […] È un film di morte, iniquità, violenza, piombo, sangue, paura, amicizia virile, tradimenti. E di sesso. In questa fiaba di maschi violenti le donne sono maltrattate; la pulsione sessuale è legata all’analità, alla golosità, alla morte, soprattutto alla violenza. È l’America vista come un mondo di bambini.»
Così Morando Morandini descrive “C’era una volta in America”, tra i 50 film più belli della storia del cinema, tra i capolavori firmati dal genio di Sergio Leone e, soprattutto, tra i più amati di un pubblico che inizialmente – complice lo scellerato montaggio di Arnon Milchan – l’aveva disprezzato.

E’ una storia che si snoda tra passato e presente, donandoci la vista di un’America che cresce tra il Proibizionismo e le rapine, il contrabbando e la malavita di quartiere.
E’ un sogno, il sogno di Leone, che acquistò i diritti del libro “The Hoods” dopo dieci anni di battaglie, il sogno di Noodles, che cerca di ricordare e di dimenticare, il sogno dei suoi amici Max, Patsy, Cockeye e Dominic, ragazzini che bramano la libertà, e il sogno di Deborah, che vuole calcare i palchi più famosi del mondo.

46 anni di America, promesse, amori e vite: questo è “C’era una volta in America”, un ritratto di mezzo secolo di storia accompagnato dalla magistrale musica del Maestro Ennio Morricone.

Da godersi a pieno, naturalmente nella sua versione integrale, con tanto di contenuti speciali. Un DVD che vale assolutamente la pena di comprare e custodire gelosamente nella propria collezione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...