CHI o cosa?

Questo blog è proprio quello che sembra: uno spazio in cui posso dire quello che voglio senza pagare un centesimo, spaziando dai referendum ai film.
La scrittura per me è un relax, uno strumento di critica e un potente mezzo di confronto.
Per quanto a volte lo trovi straordinariamente liberatorio, ogni tanto mi capita anche di essere obiettiva.

Anche se nella mia pur breve vita mi hanno definito maschilista, suffragetta, repubblicana, monarchica, socialista, cattolica e anarchica, sinceramente non mi rivedo in nessuna di queste categorie.
Il migliore modo per descrivermi è citare quattro delle mie opere preferite, e infine la mia descrizione Facebook, perché si sa, sui social sembriamo sempre un po’ più fighi di come siamo nella realtà, e anche un pelo più alti.


“Scopri il valore in quel che ti hanno detto che non vale nulla. Scopri il bene in ciò che il mondo dice che è male. Desidero che tutto il mondo possa accettare quello che odia. Scopri quello di cui hai più paura e vacci a vivere” 

“Quanti libri. E li legge tutti?”
“Oh, sì. Sono anche un ottimo isolamento durante un attacco nemico. Ma la verità è che io mi interesso a… I principi bancari moderni, la storia della pirateria, i dipinti di Orozco, il teatro francese moderno, i fattori giurisprudenziali nell’amministrazione dei beni della mafia, le malattie dei cavalli, i romanzi di Joyce Cary e le scelte etniche degli arabi. Robe del genere”

“Leggere un buon romanzo è per molti versi come avere una relazione sentimentale lunga e soddisfacente. Un racconto è tutt’altra cosa. Un racconto è come un bacio veloce, nel buio, ricevuto da uno sconosciuto. Naturalmente non è la stessa cosa di una relazione o un matrimonio, ma un bacio può essere dolcissimo […]. 
Ora aggrappati al mio braccio. Tieniti forte. Visiteremo luoghi oscuri, ma io credo di sapere la strada. Tu bada solo a non lasciarmi il braccio. E se dovessi baciarti nel buio, non sarà niente di grave: è solo perché tu sei il mio amore” 

“I’m not sentimental – I’m as romantic as you are. The idea, you know, is that the sentimental person thinks things will last. The romantic person has a desperate confidence that they won’t”. 

– Filantropa come Tim Price, equilibrata come Pat Bateman, modesta quanto Alessandro Magno, realista quanto Amory Blaine, alta come Buffy, modello n° 15 con qualche difetto di fabbrica, nonché risultato degli sforzi di tutti coloro che ho conosciuto, nonché anima perdutamente innamorata di Frank Sinatra.
Far convivere tutte queste personalità è un casino, ma ci provo. No vague, no predictable, highly political –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...