Archivi tag: anti-vaccinisti

SONO STATA PER UN MESE SU UN GRUPPO DI ANTI-VACCINISTI. ECCO SU COSA HO CAMBIATO IDEA.

 Quella dell’anti-vaccinismo viene ormai presentata come una moda. Quanto c’è di vero nell’apprensione dei genitori anti-vaccino?
Queste persone sono realmente informate?
Premetto che la mia posizione iniziale era pro-vaccino, e che consideravo chi non vaccinasse i propri figli leggermente irresponsabile. 
Visto che sono gli stupidi non cambiano mai idea, mi sono decisa a conoscere il mio “nemico”, nella forma di gruppi di Facebook che dicono di “fare informazione”, e hanno l’obiettivo di “parlare dei vaccini”.
Dopo un mese, in cui non ho pubblicato assolutamente nulla, né commentato alcunché, ma mi sono limitata ad osservare i comportamenti e le teorie degli anti-vaccinisti, mi sono ritrovata misteriosamente bannata da uno di questi gruppi qui. Rea di cosa? Di aver messo “mi piace” a qualche commento sporadico che osava contraddire, peraltro con grande educazione, le teorie anti-vaccino.
Il che la dice lunga sulla libertà di parola che contraddistingue questi gruppi in cui si dovrebbe “Parlare di vaccini”. Più o meno la stessa che vigeva sotto Stalin. 
siberia
Qui di seguito, le cose che più mi hanno colpito e mi hanno fatto cambiare idea sulla mia considerazione iniziale circa gli anti-vaccinisti. Che probabilmente vi sorprenderanno più di quanto hanno sorpreso me:
– I genitori che scelgono di non vaccinare reputano i genitori di bambini vaccinati molto irresponsabili. Secondo loro mandare a scuola un bambino dopo aver fatto il vaccino espone i propri figli a dei grossi rischi. Per loro queste persone sono “ignoranti” e vengono puntualmente derise. Insomma, gli anti-vaccinisti si sentono minacciati dai perfidi bambini minacciati, che rischiano di mischiare il vaccino ai propri “cuccioli” (sì, gli anti-vaccinisti parlano di cuccioli, non di bambini. Anche se i cuccioli vengono sovente vaccinati per non morire, le curiosità del caso).
Altrettanto curiosamente, gli stessi favolosi admin del gruppo dichiarano che “La frequenza di spazi chiusi, o di comunità, è un fattore di rischio”, e che dunque se si frequentano ambienti affollati, come per esempio gli asili nido, i bambini dovrebbero essere vaccinati,  “Ma è sempre una scelta del genitore”. Insomma, vaccinare o no? Non si è ancora capito, ma di certo queste persone non vogliono prendersi responsabilità, tipo quelle che hanno i medici – anche se loro sono meglio.
– Non vorrei mai che pensaste che i genitori anti-vaccinisti siano dei totali sprovveduti. Al contrario, si preoccupano oltremodo per i loro cuccioli: ad esempio una mamma si è spaventata perché non aveva fatto l’antitetanica a suo figlio, che giocando si è tagliato. E ha chiesto subito consiglio su Facebook. Le è stato detto che non sarebbe successo niente, e che era inutile parlare con il pediatra.
– Il livello di apprensione è tale che per non far vaccinare i propri figli sovente viene chiesto ai membri del gruppo “Cosa devo dire al pediatra per spiegare perché non vaccino?” 
Il che mi fa pensare che 11 anni di medicina siano decisamente troppi per esercitare la professione medica: basta diventare un anti-vaccinista e dare consigli via Facebook.
– Molti genitori antivaccinisti tuttavia hanno notato che i loro bambini si ammalano spesso.
Infatti hanno detto “Figuriamoci se li avessi vaccinati!”
– Quando i pediatri si rifiutano di continuare a tenere sotto le proprie cure bambini non vaccinati, alcuni genitori consigliano addirittura di presentarsi in studio con i Carabinieri. La maggior parte degli utenti dà loro man forte, solo qualche sparuta voce si leva dalla massa indistinta di odio verso la classe pediatrica e dice: “Cerca un medico non vaccinista”
– I qui sopracitati medici anti-vaccino vengono trattati come “coraggiosi eretici” (testuali parole), come eroi coraggiosi che si oppongono ai “poteri forti” delle industrie farmaceutiche.
Tali eroi fanno consulenze VIA SKYPE delle quali i genitori anti-vaccinisti si ritengono soddisfattissimi (girano anche tanto di recapito) – mica gratis, ovviamente anche le consulenze via Skype si pagano, e pure tanto.
Magari qualcuno di loro inventerà anche un vaccino come il geniale Wakefield che un giorno saltò su sostenendo di aver trovato una correlazione tra MPR e autismo, questo per vendere il suo costoso vaccino. Ma gli anti-vaccinisti lo sanno? Sanno che Wakefield è stato condannato per aver agito fraudolentemente, in danno di 12 bambini abusati? Forse sono troppo impegnati a bannare la gente per accorgersene.
– Il referendum costituzionale per qualche ragione c’entra con i vaccini, in quanto le campagne elettorali sono finanziate dalle case farmaceutiche che producono vaccini (ma non si capisce cosa c’entri questo con il bicameralismo).
– Gli anti-vaccinisti si ritengono una classe debole che viene trattata alla stregua degli ebrei nella Germania nazista (non sto scherzando, sono proprio parole loro), e temono che a breve i loro bambini dovranno girare con l’analogo di una stella di David appuntata sul petto.
– Le notizie su bambini o ragazzi morti per non essere stati vaccinati vengono considerate “Terrorismo mediatico”. Se in più questi bambini o ragazzi erano sovrappeso, “Allora può essere colpa del sovrappeso e non della mancanza di vaccino”. Se però un bambino diventa autistico, la colpa è decisamente del vaccino. Lapalissiano.
Unica lancia che mi sento di spezzare nei confronti di questi gruppi è che talvolta consigliano fonti imparziali (come PubMed, sito comunque di difficile consultazione e comprensione per l’utente medio di questi gruppi) e consigliano comunque di avere un dialogo con le ASL, quantomeno per portare loro il famoso “foglio del dissenso”. Siti e altri gruppi di anti-vaccinisti solitamente consigliano ciò: “Ovviamente, non dovete presentarvi all’incontro indicato nella comunicazione della ASL, né firmare alcun modulo o prestampato, ma limitarvi a spedire la vostra lettera raccomandata con il dissenso”
Ecco come la mia opinione è cambiata: ora ritengo gli anti-vaccinisti una classe di persone arroganti, piene di sé e assolutamente non disposte al dialogo.
Sono persone a cui personalmente toglierei la connessione ad internet perché sono in grado di sfruttare uno strumento del sapere solo per dare credito alle proprie posizioni, facendosi influenzare, chiedendo consiglio a persone incompetenti e sfiduciando un’intera classe medica.
Sono analfabeti funzionali, che credono a qualunque cosa senza verificarne la fonte: se su un blog privato un Pinco Pallino qualunque scrivesse di un attacco UFO imminente, ci crederebbero come se la NASA avesse divulgato quella notizia.
Sono pericolosi per se stessi e per chi li circonda, e non di meno per i loro figli, le vere vittime di questa faccenda.
Senza una vera analisi critica, sapere e bufala sono mischiati in un mucchio di immondizia.
 
“Un anal­fa­beta fun­zionale è qual­cuno che può aver speso fino a 12 anni in una scuola e aver imparato a riconoscere le parole come delle con­fig­u­razioni, come carat­teri Cinesi, ma è inca­pace di decod­i­fi­care il lin­guag­gio scritto. Sono let­tori frus­trati e penal­iz­zati che trovano la let­tura così fati­cosa che preferiscono evi­tarla. […] Un anal­fa­beta fun­zionale di grande suc­cesso mi disse che si farebbe pic­chiare piut­tosto che leg­gere, un’indicazione del dolore psi­co­logico che questa inca­pac­ità di let­tura può causare”
– The New American, definizione di “Analfabeta funzionale”